Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy

Covid-19_ Decreto Legge n.65/2021

Misure urgenti relative all’emergenza epidemiologica da COVID-19

Introduzione

Il Decreto-legge 18 maggio 2021, n. 65 introduce nuove misure per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali, nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

Il testo aggiorna il cronoprogramma relativo alla progressiva eliminazione delle restrizioni rese necessarie per limitare il contagio da virus SARS-CoV-2, alla luce dei dati scientifici sull’epidemia e dell’andamento della campagna di vaccinazione.

Tra novità previste per le zone gialle si evidenziano:

  • coprifuoco dal 19 maggio posticipato alle 23, dal 7 giugno sarà  alle 24, dal 21 giugno sarà completamente abolito
  • da sabato 22 maggio tutti gli esercizi presenti nei mercati, centri commerciali, gallerie e parchi commerciali potranno restare aperti anche nei giorni festivi e prefestivi;
  • da lunedì 24 maggio riaprono le palestre;
  • da martedì 1 giugno: sarà possibile consumare cibi e bevande all’interno dei locali anche oltre le 18.00, fino all’orario di chiusura previsto dalle norme sugli spostamenti;
  • da martedì 15 giugno riaprono al pubblico i parchi tematici e di divertimento e saranno possibili, anche al chiuso, le feste e i ricevimenti successivi a cerimonie civili o religiose, tramite uso della “certificazione verde”
  • da giovedì 1 luglio riaprono le piscine al chiuso, i centri natatori e i centri benessere, nel rispetto delle linee guide e dei protocolli; riaprono anche sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò; potranno riprendere anche le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; sarà infine possibile tenere corsi di formazione pubblici e privati in presenza
  • eventi sportivi: dal 1 giugno all’aperto e dall'1 luglio al chiuso, sarà consentita la presenza di pubblico, nei limiti già previsti (25 per cento della capienza massima, con il limite di 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso), per tutte le competizioni o eventi sportivi (non solo a quelli di interesse nazionale).

Resta fermo, per quanto non modificato dal DL n. 65/2021, quanto già previsto dal DL n. 52/2021. Inoltre, fino al 31 luglio 2021, fatto salvo quanto diversamente disposto dai citati decreti-legge, continuano ad applicarsi le disposizioni di cui al DPCM 2 marzo 2021.

 

 

Leggi di più

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

5/26/21, 9:40 AM